La crescia, la tipica torta al formaggio marchigiana

Ecco la ricetta di una torta salata tipica delle Marche, che nel periodo pasquale viene preparata in molte zone dell’Italia centrale e che tradizionalmente si mangia la mattina di Pasqua, accompagnata da salumi e uova sode.
È una torta molto alta, a base di un impasto fatto lievitare lentamente e arricchito da diversi tipi di formaggio. L’ideale è gustarla tiepida, quando i formaggi sprigionano al massimo sapore ed aromi.
Esistono diverse varianti locali di questa ricetta, che cambiano anche in base al formaggio che si decide di usare, e che potete  modificare a seconda del vostro gusto. Ingredienti fissi sono il parmigiano e il pecorino; la ricetta che vi proponiamo prevede anche la groviera, che rende la crescia più morbida, ma potete provare anche con formaggi filanti.

Gli iscritti hanno ricevuto questa ricetta in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata a una newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro di ricette di NoiNonni®.
Per ricevere la newsletter, iscriviti cliccando questo link:  iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni

Se vuoi ricevere anche tu questa ricetta in formato PDF, scrivici a [email protected]: te la invieremo!

Ingredienti

  • 350 g di farina
  • 3 uova
  • 125 g di latte
  • 70 g di olio di semi
  • Un cubetto di lievito di birra (o una bustina di lievito di birra liofilizzato)
  • 80 g di parmigiano grattugiato
  • 80 g di pecorino grattugiato
  • 100 g di groviera tagliata a cubetti
  • Sale
  • Pepe nero (facoltativo)

Come si fa

  • Sciogliete in una ciotola il lievito di birra con il latte intiepidito.
  • Mettete sul piano di lavoro la farina a fontana e al centro aggiungete le uova sgusciate, il sale (attenzione a non eccedere: i formaggi sono già molto sapidi), il lievito sciolto, l’olio, il parmigiano e il pecorino grattugiati.
  • Lavorate l’impasto facendo assorbire pian piano la farina, fino a ottenere una pasta elastica ma morbida.
  • Trasferite la pasta in una ciotola leggermente unta, copritela con un canovaccio pulito e lasciatela lievitare un paio d’ore in un luogo riparato, finché non ha raddoppiato il volume (il tempo di lievitazione dipende dalla temperatura dell’ambiente).
  • Una volta lievitata, rovesciate di nuovo la pasta sul piano di lavoro, sgonfiatela e aggiungete il formaggio groviera tagliato a pezzetti, amalgamandolo bene. Se vi piace, in questa fase potete aggiungere anche un pizzico di pepe nero.
  • Rivestite uno stampo con della carta da forno bagnata e strizzata (in alternativa, imburratelo e infarinatelo) e disponeteci l’impasto, che non deve superare la metà dello stampo.
  • Copritelo nuovamente e mettetelo a lievitare ancora per un’oretta.
  • Quando la pasta è nuovamente cresciuta, infornate la crescia nel forno già caldo, a 180 gradi, e fatela cuocere in modalità statica per circa 45 minuti, finché la crosticina non sarà diventata dorata.
  • Servite la crescia tiepida (è il nostro consiglio, ma è squisita anche fredda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *