In gita con i bambini: la Grotta di Bossea (Cuneo)

Fiumi sotterranei, laghetti, cascatelle… e poi, le stalattiti e le stalagmiti che ricamano le pareti di “stanze” maestose, nel cuore della terra. Sono le meraviglie della Grotta di Bossea (in provincia di Cuneo), un grande sistema di grotte sotterranee del sud del Piemonte, in quelle Alpi Marittime che dividono questa regione dalla Liguria.
Aperta al pubblico nel 1874, la Grotta di Bossea è stata la prima grotta turistica italiana; le esplorazioni però erano cominciate già nella prima metà dell’Ottocento e sono continuate negli anni successivi, addentrandosi sempre più profondamente nel cuore delle montagne. Sì, perché a Bossea c’è un vasto sistema di grotte che raggiunge i 54 metri di profondità ed è formato da vaste caverne spettacolari (la più grande, la Sala Garelli, è larga 150 metri) collegate da passaggi angusti.
Il percorso aperto alla visita è però più ridotto: sono circa 3 chilometri, tra andata e ritorno, con un dislivello di circa 116 metri

Per la visita, indossate dunque scarpe comode e tenete presente che all’interno delle grotte la temperatura è sempre di 9°C, estate e inverno, con un’umidità altissima, quindi portate con voi indumenti adatti!
Le visite sono condotte da guide speleologiche esperte, che offrono spiegazioni molto dettagliate e precise, e durano circa un’ora e mezza. Un’ora e mezza di meraviglia: impossibile non emozionarsi alla vista di questo mondo sotterraneo, così misterioso e affascinante!

La visita conduce di caverna in caverna, seguendo in parte il corso di un fiume sotterraneo; bellissima la cascata che separa due grotte a diversi livelli di profondità; emozionante la “sala dell’orso”, con la ricostruzione dello scheletro di un orso delle caverne, che in tempi remotissimi frequentava queste grotte nei periodo di letargo oppure per partorire.
Interessantissima anche la fauna di queste grotte: si tratta di una fauna di piccole dimensioni e molto rara, con alcune specie (come ad esempio il Diplopode Plectogona Bosseae, il Palpigrado Eukoenenia strinato ed il Ragno Troglohyphantes Pedemontanum) che non si trovano in nessun’altra parte al mondo.

Le grotte ospitano anche un importante Laboratorio Carsologico, che si occupa dello studio dei fenomeni fisici, chimici e biologici di questo ambiente sotterraneo, e sono il perno di una riserva naturale che protegge tutta l’area circostante, un’area naturalistica che da sola vale la visita. Una ragione in più per una gita da fare anche con i bambini, e che riserva mille sorprese!

Informazioni: grottadibossea.com
La Grotta di Bossea è aperta tutti i giorni, a esclusione del 25 dicembre e del 1° gennaio.
Ricordate che è obbligatorio prenotare la visita, telefonando ai numeri 3487356250 oppure 3332728944

Trovi altri articoli su grotte da visitare in Italia con i bambini anche a questi link:
Le grotte di Su Mannau (Sardegna)
Le grotte di Toirano (Liguria)
Le grotte di Frasassi (Marche)
Le grotte di Nettuno (Sardegna)
Le grotte del Bue Marino (Sardegna)
Le grotte di Castellana (Puglia)
La Grotta del Vento (Toscana)
La Grotta Gigante (Friuli-Venezia Giulia)
La Grotta Azzurra di Capri (Campania)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.