Noi Nonni

Gli spiedini di carne alla siciliana

Ecco una squisita ricetta tipica della Sicilia che ci manda Giovanna Ventimiglia, che ha già contribuito al nostro sito con lavoretti e ricette che vengono dalla sua esperienza di nonna di tre nipotini.
Di questi spiedini, ci scrive nonna Giovanna, “esistono tante varianti, ma io amo la ricetta base. Mentre cuociono la mia cucina si riempie del profumo dell’alloro, della cipolla e della carne in un miscuglio eccezionale. È un cibo che mangiano volentieri anche i miei nipotini, ma senza uvetta e pinoli”. Vediamo allora come si fanno.

 

Una versione in PDF di questa ricetta è stata allegata alla newsletter di noinonni.it del 24 maggio 2012. Ogni settimana gli iscritti alla newsletter ricevono una nuova ricetta, da stampare e dal conservare per poterla consultare più agevolmente, ma anche per unirla alle altre e formare il libro delle ricette di NoiNonni®!
Se volete iscrivervi anche voi, cliccate su questo link: iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni
Se volete ricevere anche voi questa ricetta in formato PDF, scriveteci una richiesta all’indirizzo mail info@noinonni.it: ve la invieremo!

Trovi altre ricette tipiche della cucina siciliana anche a questi link:
Lo sfincione siciliano
Le sarde a beccafico
La caponata alla palermitana
La pasta alla Norma
Le cassatelle siciliane
Il buccellato siciliano

 Ingredienti

(per 16 involtini – 4 persone)

  • 400 g di fettine di carne tagliate molto sottili e poi divise in due o tre parti (ogni fettina così ridotta, dovrà avere circa queste dimensioni: 8 x 12 cm)
  • 75 g di salame tagliato sottile
  • 100 g di provolone (tipo auricchio piccante)
  • una manciata di uvette e pinoli (facoltativo)
  • 200 g di pangrattato
  • un bicchiere di olio di oliva
  • una cipolla di tropea a spicchi
  • 8 foglie di alloro
  • sale e origano
  • spiedini di ferro o di legno

Come si fanno

  • Intingete una fettina di carne nell’olio e, dopo averla sgocciolata ben bene, strofinatela da entrambi i lati con il pangrattato precedentemente aggiustato di sale e origano.
  • Appoggiate sopra la carne la fettina di salame, poi un po’ di pangrattato, un cubetto di provolone e, se piace, due tre uvette e due o tre pinoli.
  • Avvolgete il ripieno nella carne ripiegandola fino a chiudere bene l’involtino (se non è chiuso bene, quando cuoce il provolone si scioglie e esce).
  • Mettete da parte l’involtino e procedete preparando gli altri allo stesso modo.
  • Ora montate gli spiedini: iniziate con una foglia di alloro, poi uno spicchietto di cipolla (basta un solo strato), un involtino, ancora uno spicchio di cipolla, ancora involtino, e così via fino a completare lo spiedino. Importante: finite con uno spicchio di cipolla e una foglia di alloro
  • Cuocete gli spiedini, se possibile sulla brace, finché la carne sarà dorata; in alternativa potete usare la griglia del forno avendo cura di mettere sotto la carne una teglia con della carta stagnola o della carta da forno perché un po’ di olio gocciolerà.

Lascia un commento

*