Nonna Annalisa racconta – Cuginanza

Ora che E.  comincia a essere un po’ più grandicella, che dolcezza vederli insieme, i cugini! La tenerezza piena di attenzioni dei due più grandi, che non la trattano più, come quando era molto piccina, come una specie di bambolotto fragile che avevano quasi paura di toccare e con cui era difficile interagire. Ora è una bambina che possono prendere per mano, spingere sull’altalena, proteggere e guidare quando cerca di arrampicarsi. Una bimba con cui sfogliare uno dei libri cartonati per i più piccini della sua libreria, e spiegare, raccontare. Una bimba da presentare agli amichetti, per sentirsi “grandi”; anzi, avere una cuginetta così piccola li fa sentire importanti, come se avessero solo per questo fatto un bel passo in avanti sulla strada verso quell’età adulta che è l’aspirazione di ogni bambino (e non sanno quanto, da grandi, rimpiangeranno l’infanzia!).

A farli sentire importanti e “grandi” è anche la piccola E., che li guarda e li segue come se fossero dei supereroi. Con loro, i capricci e i “no” che da qualche tempo riserva spesso alle richieste dei genitori e della nonna scompaiono come per incanto: dà loro la mano, li segue, li ascolta… qualche volta li insegue, quando si allontanano. Come qualche giorno fa, ai giardinetti: la cuginetta si è allontanata per tornare un attimo a casa ed E. dietro, incurante dei miei richiami.
Se ci sono loro, diventano subito il suo modello, il suo riferimento. Come alla loro prima comunione: un’ora e mezza di cerimonia in cui è stata, con nostra sorpresa, (quasi sempre) brava, curiosa di tutto, ma soprattutto incantata a vedere i cuginetti che, vestiti con la tunica bianca, facevano cose per lei incomprensibili.

Cresceranno e gli otto anni di differenza tra un po’ si sentiranno, eccome! Però è così bello vederli, ora! Ed è bello anche sapere che, per quanto l’età e la vita possano allontanarli, stanno costruendo uno zoccolo duro di esperienze e di ricordi che “fanno famiglia” e che, anche se non lo sanno,  saranno per sempre una loro ricchezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *