Fratelli Grimm – L’acqua della vita

cavaliere-cavallo-castello

C’era una volta un re che era ammalato da tanto tempo, e ormai tutti credevano che stesse per morire.
I suoi tre figli, molto addolorati, scesero a piangere nel giardino del castello.
Là incontrarono un vecchio che domandò loro il motivo di tanto dolore. Gli raccontarono che il padre era così ammalato che presto sarebbe morto, poiché nulla poteva farlo guarire.

Il vecchio disse: – Io conosco un rimedio: l’acqua della vita. Se la beve, guarirà. Ma è difficile da trovare.
Il maggiore disse: – La troverò.
Andò dal padre ammalato e gli domandò il permesso di andare a cercare l’acqua della vita, poiché solo quella poteva salvarlo.
– No, – rispose il re, – è troppo pericoloso. Piuttosto preferisco morire.
Ma il giovane lo pregò tanto che alla fine egli acconsentì. In cuor suo però il principe pensava: “Se procuro l’acqua, divento il prediletto ed erediterò il regno”.

nano-gnomo-verde-cappello
© Vectorshots | Dreamstime.com

Così si mise in cammino. Dopo aver cavalcato per un po’ vide sulla strada un nano che lo chiamò e gli disse: – Dove vai così di fretta?
– Razza di omiciattolo! – disse il principe con fare altezzoso. – Non hai bisogno di saperlo!
E proseguì. Ma il nano si era arrabbiato e gli aveva scagliato una maledizione. Infatti il principe finì in un burrone: più andava avanti, più le montagne si stringevano, e alla fine il sentiero si fece così stretto che egli non poteva più avanzare di un passo, ma non gli era possibile neanche voltare il cavallo o scendere di sella. Così restò là imprigionato.

Nel frattempo il padre ammalato lo attendeva, ma egli non tornava mai. Allora il secondo figlio disse: – Andrò io a cercare l’acqua.
E pensava tra sé: “Mi va proprio bene: se mio fratello è morto, il regno tocca a me.”
Il re all’inizio non voleva lasciare andare neanche lui, ma finì col cedere.
Il principe se ne andò per la stessa strada e incontrò anche lui il nano, che lo fermò e gli chiese: – Dove vai così di fretta?
– Razza di omiciattolo! – disse il principe. – Non hai bisogno di saperlo!
E, pieno di arroganza, proseguì il suo cammino.
Ma il nano lo maledisse e anch’egli finì in un burrone, come l’altro fratello, senza poter andare né avanti né indietro.

Dato che neanche il secondo figlio tornava, il più giovane volle andare anche lui a cercare l’acqua, e il re dovette lasciarlo andare.
Quando incontrò il nano, questi gli domandò: – Dove vai così di fretta?
Egli rispose: – Cerco l’acqua della vita, perché mio padre è ammalato e sta per morire.
– Sai dove trovarla? – gli chiese il nano.
– No – rispose il principe.
– Allora te lo dirò io, poiché ti sei comportato bene con me. Zampilla da una fonte che si trova in un castello incantato; per potervi entrare, ti do un bastone di ferro e due pagnottine. Con il bastone batti tre volte al portone di ferro del castello, e si spalancherà. All’interno ci sono due leoni, ma se tu getti loro il pane si placheranno. Allora corri a prendere l’acqua della vita prima che scocchino le dodici, altrimenti il portone si richiude e tu resti imprigionato.

fontanaIl principe lo ringraziò, prese il bastone e il pane, andò e trovò tutto quanto proprio come aveva detto il nano. Il portone si spalancò al terzo colpo di bastone. Dopo avere ammansito i leoni, egli entrò nel castello e giunse in una bella sala: là c’erano dei principi stregati, ed egli tolse loro gli anelli. Poi c’erano anche un pane e una spada ed egli li prese e li portò via.
Più avanti trovò una stanza dove c’era una bella fanciulla. Lei si rallegrò di vederlo, lo baciò e disse che egli l’aveva liberata e che se fosse tornato entro un anno avrebbero celebrato le nozze e lui avrebbe avuto tutto il suo regno. Poi gli disse dove si trovava la fonte con l’acqua della vita; ma doveva sbrigarsi ad attingerla prima che scoccassero le dodici.
Il principe proseguì, finché giunse in una stanza dove si trovava un bel letto appena fatto e, siccome era stanco, volle riposarsi un po’. Si distese e si addormentò.
Quando si svegliò stavano suonando le undici e tre quarti. Allora si alzò tutto spaventato, corse alla fonte, riempì d’acqua un bicchiere che era lì vicino e si affrettò ad andarsene. Tornò al portone di ferro che suonavano le dodici, e fece appena in tempo a uscire che il portone si chiuse.

Il principe si mise in cammino verso casa e passò nuovamente vicino al nano. Questi, vedendo la spada e il pane, disse: – Hai guadagnato un bel tesoro! Con la spada puoi sconfiggere interi eserciti e il pane non finisce mai.
Ma il principe non voleva tornare a casa dal padre senza i suoi fratelli, e domandò:
– Caro nano, puoi dirmi dove sono i miei due fratelli? Sono andati alla ricerca dell’acqua della vita prima di me e non hanno più fatto ritorno.
– Sono prigionieri fra due monti – rispose il nano. – Li ho stregati in questo modo a causa della loro superbia.
Allora il principe lo supplicò tanto che il nano li liberò, ma disse ancora: – Guardati da loro: hanno il cuore malvagio.

Quando giunsero i fratelli, il principe si rallegrò e raccontò loro tutto ciò che gli era accaduto: aveva trovato l’acqua della vita e ne aveva riempito un bicchiere; aveva liberato una bella principessa che lo avrebbe aspettato per un anno, poi sarebbero state celebrate le nozze ed egli avrebbe ottenuto un grande regno.
Poi se ne andarono insieme a cavallo e capitarono in un paese dove c’erano guerra e carestia. Il principe andò dal re e gli diede il pane, con il quale nutrì e saziò l’intero regno; poi gli diede anche la spada con la quale il re abbatté gli eserciti dei suoi nemici e poté vivere in pace.
naveAllora il principe riprese il suo pane e la sua spada, e i tre fratelli proseguirono il viaggio. Ma giunsero in altri due paesi dove regnavano guerra e carestia e il principe diede ogni volta al re il suo pane e la sua spada, e così salvò tre regni.
Infine si imbarcarono su di una nave e presero il largo. Durante il viaggio, i due maggiori parlarono fra loro e dissero: – Il più giovane ha trovato l’acqua della vita e noi no; così nostro padre gli darà il regno che spetta a noi.
Perciò aspettarono che fosse addormentato profondamente e presero l’acqua della vita, vuotando il suo bicchiere e riempiendolo con acqua di mare.

Quando arrivarono a casa, il più giovane portò il bicchiere al re ammalato, perché‚ bevesse e guarisse. Ma il re aveva appena bevuto un sorso di acqua di mare, che la sua condizione si aggravò. E mentre si lamentava arrivarono i due fratelli maggiori e accusarono il più giovane dicendo che aveva voluto avvelenare il padre; essi invece gli avevano portato la vera acqua della vita, e gliela porsero. L’aveva appena assaggiata, che subito il re sentì il suo male sparire, e tornò a essere forte e sano come in gioventù.
Allora i due fratelli andarono dal minore, lo derisero e dissero: – Hai trovato l’acqua della vita? La fatica è stata tua, mentre la ricompensa è nostra; avresti dovuto tenere gli occhi aperti: te l’abbiamo presa sul mare, mentre dormivi. Fra un anno uno di noi due si prenderà la tua bella principessa; ma guardati bene dal parlare con il babbo, tanto non ti crederebbe, e se dici una sola parola perderai anche la vita. Se taci, invece, ti lasceremo vivere.

Il vecchio re però era in collera con il figlio minore e credeva che avesse cercato di ucciderlo. Perciò radunò la corte e sentenziò che doveva essere ucciso segretamente. Così un giorno il principe, che non sospettava nulla, partì per la caccia e il cacciatore del re lo accompagnò.
Quando furono soli nel bosco, il cacciatore aveva un’aria così triste che il principe gli disse: – Che hai, mio caro?
Il cacciatore rispose: – Non posso dirlo, ma devo farlo.
Disse il principe: – Orsù, dimmi cosa c’è: ti perdonerò.
– Ah! – disse il cacciatore. – Devo uccidervi: me l’ha ordinato il re!
A quelle parole il principe si spaventò e disse: – Caro cacciatore, lasciami vivere! Io ti darò le mie vesti regali e tu, in cambio, dammi il tuo brutto vestito.
E così fecero. Il principe indossò gli abiti del cacciatore e si addentrò nel bosco.

Passò un po’ di tempo e giunsero al vecchio re tre carri carichi d’oro e di pietre preziose per il figlio minore: li mandavano i tre re ai quali il principe aveva prestato il pane per sfamare il popolo e la spada per sconfiggere i nemici.
Il re ne fu addolorato e cominciò a pensare che suo figlio fosse innocente, perciò disse ai suoi: – Ah, se fosse ancora vivo!
– Allora ho fatto bene! – disse il cacciatore. – Mi è mancato il coraggio di ucciderlo!
E raccontò al re com’erano andate le cose.
Il re si rallegrò e fece annunciare in tutto il regno che suo figlio poteva tornare e che sarebbe stato il benvenuto.

principessa-bionda-abito-rosa
© Gannak | Dreamstime.com

La principessa intanto aveva fatto costruire davanti al suo castello una strada tutta splendente d’oro e aveva detto ai suoi domestici: il cavaliere che l’avesse percorsa al centro era il vero sposo, e dovevano lasciarlo entrare; chi invece avesse cavalcato a lato della strada non era quello vero, perciò non dovevano lasciarlo entrare.
Quando il tempo fu quasi trascorso, il maggiore pensò di andare dalla principessa presentandosi come il suo liberatore: così l’avrebbe avuta in moglie e ne avrebbe ottenuto il regno.
Partì dunque a cavallo, ma quando giunse davanti al castello e vide la bella strada dorata pensò: “Sarebbe un peccato passarci sopra a cavallo!”. Così deviò verso destra e cavalcò a lato della strada. Ma quando arrivò davanti al portone, gli dissero che egli non era il vero sposo e che doveva andarsene.
Poco dopo si mise in viaggio il secondo principe, e quando arrivò alla strada d’oro, pensò: “Sarebbe un peccato, potrebbe rovinarsi!”. Così deviò verso sinistra e cavalcò a lato della strada. Ma quando giunse davanti al portone, gli dissero che egli non era il vero sposo e che doveva andarsene.
Quando l’anno fu trascorso, il terzo principe pensò di lasciare il bosco e di recarsi dall’amata, per dimenticare il suo dolore presso di lei. Si mise in cammino e pensò sempre a lei, e avrebbe già voluto esserci. Perciò non vide neanche la strada d’oro: il suo cavallo ci passò proprio in mezzo. Quando egli arrivò al portone gli aprirono e la principessa lo accolse con gioia. Così si celebrarono le nozze.
Dopo le nozze, ella gli raccontò che suo padre lo invitava a recarsi presso di lui e che lo aveva perdonato. Allora egli andò e gli raccontò tutto: che i fratelli lo avevano ingannato e che egli aveva taciuto. Il vecchio re voleva punirli, ma essi si erano messi in mare e avevano preso il largo. E non tornarono mai più.

                                                                                          (adattamento da Fratelli Grimm, Fiabe)

Su noinonni.it trovi altre fiabe dei fratelli Grimm anche a questi link:
Madama Holle
L’uccello d’oro
Gli gnomi
Le scarpette logorate dal ballo
L’oca d’oro
I fedeli animali
Il principe ranocchio
Tremotino
La serpe bianca
Raperonzolo
I sei cigni

 

Gli iscritti hanno ricevuto questa fiaba in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata a una newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro delle fiabe di NoiNonni®.
Per ricevere la newsletter, iscriviti cliccando su questo link: iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni/
Se vuoi ricevere anche tu questa filastrocca in formato PDF, scrivici a info.noinonni@gmail.com: te la invieremo!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.