Fratelli Grimm – L’oca d’oro

C’era un uomo che aveva tre figli; il minore, chiamato il Grullo, era disprezzato e messo da parte in ogni occasione.
Un giorno il maggiore volle andare nel bosco a far legna e prima di uscire la madre gli diede una bella frittata e una bottiglia di vino perché non patisse la fame e la sete. Quando giunse nel bosco, incontrò un vecchio omino grigio, che lo salutò e disse: -Dammi un pezzo della tua frittata e fammi bere un sorso del tuo vino, ho tanta fame e tanta sete!
Ma il ragazzo rispose: – Se ti do la mia frittata e il mio vino, a me non resta più nulla. Vattene per la tua strada! –  e se ne andò.
Incominciò a tagliare un albero, ma ben presto sbagliò il colpo ferendosi il braccio con la scure e dovette andare a casa a farsi bendare. In realtà si trattava del castigo dell’omino grigio.

Poi toccò al secondo figlio andare nel bosco, e la madre diede anche a lui una frittata e una bottiglia di vino. Anch’egli s’imbatté nel vecchio omino grigio, che gli chiese un pezzo di frittata e un sorso di vino. Ma anche il secondo figlio gli disse: – Ciò che do a te, manca a me. Vattene per la tua strada! – e proseguì.
L’omino non fece tardare il castigo: dopo aver dato due o tre colpi di scure a un albero, il giovane si ferì la gamba e dovettero trasportarlo a casa.
Allora il Grullo disse: – Padre, voglio andare a far legna anch’io.
Il padre rispose: – I tuoi fratelli si sono fatti male; tu lascia perdere, tanto non ne capisci niente.
Ma il Grullo lo pregò tanto che il padre finì col dirgli: – Va’ pure, imparerai a tue spese.
La madre gli diede una focaccia cotta nella cenere e una bottiglia di birra acida. Quando arrivò nel bosco, incontrò anch’egli il vecchio omino grigio, che lo salutò e gli disse: – Dammi un pezzo della tua focaccia e un sorso della tua bottiglia, ho tanta fame e tanta sete.
Il Grullo rispose: – Ho soltanto una focaccia cotta nella cenere e birra acida; se ti va bene possiamo sederci a mangiare.
Si sedettero e quando il Grullo tirò fuori la sua focaccia, trovò una bella frittata, e la birra acida era del buon vino. Mangiarono e bevvero, poi l’omino disse: – Poiché‚ hai buon cuore e dividi volentieri con altri ciò che è tuo, voglio renderti fortunato. Là c’è un vecchio albero; abbattilo e troverai qualcosa nelle radici.
Ciò detto si congedò da lui.

Il Grullo andò ad abbattere l’albero, e quando cadde trovò nelle radici un’oca dalle piume d’oro puro. La tirò fuori, la prese con sé‚ e andò a pernottare in una locanda. Ma l’oste aveva tre figlie che, vedendo l’oca, erano curiose di sapere di che strano uccello si trattasse, e avrebbero preso volentieri una delle sue piume d’oro.
La maggiore pensò: “Devo assolutamente avere una piuma!”. Aspettò che il Grullo fosse uscito e afferrò l’oca per l’ala, ma le dita vi rimasero appiccicate.
Poco dopo arrivò la seconda, e non aveva altro pensiero che prendersi anche lei una piuma; si avvicinò, ma non appena ebbe sfiorato la sorella, vi rimase attaccata.
Infine venne anche la terza a reclamare una piuma; allora le altre gridarono: – Sta’ lontana, per l’amor di Dio, sta’ lontana!.
Ma lei non capiva il perché‚ e pensò: “Se ci sono loro posso esserci anch’io”. Si avvicinò di corsa, ma non appena ebbe sfiorato sua sorella, le rimase attaccata. Così dovettero trascorrere la notte con l’oca.

Il mattino dopo il Grullo prese in braccio l’oca, e se ne andò senza curarsi affatto delle tre fanciulle, che erano costrette a corrergli sempre dietro.
In mezzo ai campi incontrarono il parroco che, vedendo quella processione, disse: – Vi pare decente correre per i campi dietro a quel ragazzo?.
Ciò detto afferrò la più giovane per la mano perché si fermasse, ma rimase attaccato anche lui e dovette correre dietro a loro.
Poco dopo giunse il sagrestano e vide il parroco che stava tallonando tre ragazze. Meravigliato, gridò: – Ehi, signor parroco, dove andate così in fretta?
Lo rincorse, lo afferrò per la manica e rimase attaccato anche lui.
Mentre i cinque trottavano così uno dietro l’altro, dal campo giunsero due contadini con le loro zappe e il parroco li chiamò, pregandoli di venire a liberarli. Ma avevano appena sfiorato il sagrestano che rimasero attaccati anche loro; così adesso erano in sette a correr dietro al Grullo con l’oca.

Poi egli giunse in una città dove regnava un re che aveva una figlia tanto seria che nessuno riusciva a farla ridere. Perciò egli aveva stabilito che l’avrebbe avuta in sposa solo colui che vi fosse riuscito. Il Grullo, quando lo seppe, si presentò con l’oca e tutto il seguito alla principessa; e quando lei vide i sette che correvano l’uno dietro l’altro, incominciò a ridere forte, e non la smetteva più.
Allora il Grullo voleva sposarla, ma il re fece un mucchio di obiezioni e disse che prima doveva portargli un uomo che fosse in grado di bere tutto il vino di una cantina.
Il Grullo pensò che l’omino grigio avrebbe potuto aiutarlo; andò nel bosco e là dove aveva abbattuto l’albero vide un uomo seduto con la faccia tutta triste. Il Grullo domandò che cosa lo addolorasse tanto.
– Ah – rispose quello – ho tanta sete e non ho da bere a sufficienza; ho sì vuotato una botte di vino, ma cos’è una goccia su di una pietra bollente?
– Posso aiutarti io – disse il Grullo. – Vieni con me, ti disseterai.
Lo condusse nella cantina del re e l’uomo si gettò su quelle grosse botti, e bevve, bevve tanto che prima della fine della giornata aveva vuotato la cantina.

Il Grullo chiese nuovamente la fanciulla in sposa, ma il re si seccò che un volgare ragazzotto, che tutti chiamavano il Grullo, gli portasse via la figlia, e pose altre condizioni: doveva portargli un uomo che fosse in grado di mangiare una montagna di pane.
Il Grullo si recò nuovamente nel bosco e dove si trovava l’albero trovò un uomo che si stringeva la vita con una cinghia e diceva, con viso burbero: – Ho mangiato un’intera infornata di panini, ma non può certo bastare con la fame che mi ritrovo! Mi sento lo stomaco vuoto, e non mi resta che stringermi la vita se non voglio morire di fame. Udendo queste parole, il Grullo disse, tutto contento: – Alzati e vieni con me, ti sazierai.
Lo condusse a corte dove il re aveva ordinato di raccogliere tutta la farina del regno e di cuocere un’enorme montagna di pane. Ma l’uomo del bosco vi si mise davanti, incominciò a mangiare e in un giorno e una notte l’intera montagna era sparita.

Il Grullo chiese nuovamente la sposa, ma il re cercò un’altra scusa e gli disse di procurargli una nave che andasse per mare e per terra; se fosse riuscito in quest’impresa avrebbe avuto subito la fanciulla in sposa.
Il Grullo andò ancora una volta nel bosco e ci trovò il vecchio omino grigio al quale aveva dato la sua focaccia e che gli disse: – Ho bevuto e mangiato per te, e ora ti darò anche la nave. Faccio tutto questo perché sei stato pietoso con me.
Gli diede la nave che andava per mare e per terra e, quando il re la vide, dovette accordargli la figlia.
Furono celebrate le nozze, il Grullo ereditò poi il regno e visse a lungo felice con la sua sposa.

(adattamento da Jacob e Wilhelm Grimm, Fiabe, Einaudi)
 
Disegni di Paola Minelli
 

DOWNLOAD – Per scaricare e stampare la fiaba, clicca qui L’oca d’oro

Su noinonni.it trovi altre fiabe dei fratelli Grimm anche a questi link:
Madama Holle
L’uccello d’oro
Gli gnomi
Le scarpette logorate dal ballo
L’acqua della vita
I fedeli animali
Il principe ranocchio
Tremotino
La serpe bianca
Raperonzolo
I sei cigni

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.