Favole per bambini – Il cavallo e l’asino (Esopo)

Una classica favola di Esopo (un po’ “rivisitata”) raccontata ai bambini. La morale? È meglio aiutare gli altri e collaborare!

C’erano una volta un cavallo e un asino che vivevano nella stessa stalla. Il loro padrone era un contadino; curava bene entrambi, li strigliava, teneva in ordine la stalla e dava loro da mangiare tanta buona biada. Però quando doveva trasportare i sacchi di grano da vendere al mercato, ne caricava solo alcuni sulla groppa del cavallo, mentre il grosso del carico lo metteva sul basto dell’asino.
L’asino ci era abituato e non si lamentava: ammirava anche lui la bellezza del cavallo, il suo portamento elegante, la sua andatura flessuosa, e pensava che fosse giusto proteggerlo senza caricarlo di troppi pesi.
Un giorno il contadino doveva portare al mercato un carico più pesante del solito. Senza badarci, fece come sempre: caricò un paio di sacchi sul cavallo e il resto sull’asino. Poi si avviò.
Fatti pochi chilometri, l’asino cominciò a essere davvero stanco. Il padrone però non se ne accorse: lungo la strada aveva incontrato un conoscente e si era messo a chiacchierare con lui, certo che l’asino e il cavallo, che conoscevano bene la strada, lo avrebbero seguito.
L’asino si sforzò di tenere il passo, ma non ce la faceva. Così chiese al cavallo di aiutarlo prendendo su di sé qualche sacco. Il cavallo però, fiero e altezzoso, non gli rispose neanche e fece finta di non averlo sentito.
L’asino, rassegnato, andò avanti, ma ormai era allo stremo delle forze e chiese di nuovo aiuto al cavallo.
– Il padrone ti ha caricato di tutti quei sacchi perché sa che sei perfettamente in grado di portarli, quindi non fare storie! – rispose stizzito il cavallo.
L’asino tacque e continuò a camminare. Ma non ce la faceva davvero più e di nuovo chiese aiuto al cavallo, che ancora una volta rispose: – Tieniti tutti i sacchi e non mi seccare più!
L’asino fece ancora poca strada, quando sentì che le gambe gli cedevano e cadde.
Il padrone a quel punto si accorse di quello che stava succedendo e accorse.
– Povera bestia, sono stato proprio sciocco a caricarti di così tanti sacchi! Ora te lo tolgo e vedrai che starai meglio! – esclamò.
Tolse all’asino tutto il carico e lo mise sulla groppa del cavallo; poi diede da bere all’asino, lo lasciò riposare un po’, quindi lo aiutò a rialzarsi e riprese la strada, senza più caricarlo di nessun sacco.
Così proseguirono verso il mercato, il cavallo trasportando a fatica un carico pesante e l’asino, libero e leggero, godendosi la passeggiata.
“Che stupido che sono!” si rammaricò il cavallo. “Se avessi aiutato l’asino, ora non farei tutta questa fatica!”
Morale della favola: è meglio aiutare gli altri, condividere e collaborare!

Adattamento da Esopo

Gli iscritti hanno ricevuto questa favola in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata a una newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro delle fiabe e delle storie di NoiNonni®.
Per ricevere la newsletter, iscriviti cliccando su questo link: 
iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni/
.
Se vuoi ricevere anche tu questa fiaba in formato PDF, scrivici a 
info.noinonni@gmail.com: te la invieremo!


Trovi altre favole da raccontare ai bambini anche a questi link:

Il leone e il topo riconoscente
Il topo di campagna e il topo di città
La volpe e la cicogna
La lepre e la tartaruga
La rana e il bue
Pierino e il lupo
Il corvo e la volpe
Il vento e il sole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *