Una ricetta spagnola: la fideuà

Una ricetta che viene dalla Spagna e che sa di sole e di mare: la fideuà, da fare con una pasta corta e sottile dalla forma leggermente attorcigliata.
Si tratta di una ricetta caratteristica della zona di Valencia e che per alcuni aspetti ricorda la più famosa paella.
Sfiziosa e ricca di sapori e di profumi, non potrà non conquistarvi.
Come per la paella, ne esistono diverse versioni; questa è la nostra, in cui le seppie, i gamberi e le cozze si sposano con i carciofi e, naturalmente, l’insostituibile pomodoro.
“Strumento” fondamentale della fideuà è una larga padella di ferro, abbastanza grande da poter contenere tutti gli ingredienti in uno strato non troppo alto, in modo che con la cottura si formi quella deliziosa crosticina che la rende irresistibile.

Gli iscritti riceveranno questa ricetta in formato PDF allegata alla prossima newsletter di noinnonni.it. Potranno così scaricarla, stamparla e unirla alle altre, a formare il libro delle ricette di NoiNonni®.
Se vuoi riceverla anche tu, iscriviti alla newsletter. Basta cliccare su questo link: iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni

Ingredienti

(per 6-7 persone)

  • Pasta 500 g
  • Cozze 1 kg
  • Seppie 500 g
  • Gamberoni 400 g
  • Carciofi 5
  • Zafferano 2 bustine
  • Passata di pomodoro 300 g
  • Aglio 2 spicchi
  • 1 scalogno
  • Vino bianco secco 1 bicchiere
  • Brodo di pesce 700 g circa
  • Olio extravergine di oliva
  • Timo
  • Pepe
  • Sale
  • Prezzemolo

Come si fa

Prima di tutto, preparate gli ingredienti.

  • Pulite bene le cozze e lasciatele aprire a fuoco vivo in una pentola coperta. Quindi sgusciatene la metà, lasciando le altre, le più polpose, nel loro guscio per guarnire il piatto.
  • Filtrate l’acqua delle cozze e tenetela da parte.
  • Pulite le seppie, tagliatele a pezzetti e fatele rosolare in un po’ di olio evo qualche minuto nella padella in cui preparerete la fideuà, togliendole quando sono cotte e tenendole da parte.
  • Procedete allo stesso modo con i gamberoni: lavateli e saltateli qualche minuto nella stessa padella, aggiungendo se necessario ancora un po’ di olio.
  • Pulite accuratamente i carciofi, togliendo le foglie esterne dure e l’eventuale “barbetta” in terna, e tagliateli a fettine. Quindi rosolate per qualche minuto anche questi nella stessa padella, con un filo d’olio. Quando sono cotti, toglieteli e teneteli da parte.

Ora passate alla preparazione della fideuà.

  • Nella grande padella di ferro della fideuà mettete gli spicchi d’aglio sbucciati e schiacciati, lo scalogno finemente tritato e 8 cucchiai circa di olio evo.
  • Lasciate rosolare lo scalogno, quindi aggiungete la passata di pomodoro e il timo, salate e fate cuocere una decina di minuti, aggiungendo se necessario un po’ di brodo di pesce.
  • A questo punto aggiungete la pasta e mescolate bene per farla intridere dei condimenti.
  • Versate il vino bianco e lasciatelo evaporare.
  • Sciogliete lo zafferano in una tazza d brodo di pesce e versatelo sulla pasta.
  • Continuate la cottura come per il risotto, aggiungendo via via un po’ di liquido: prima quello delle cozze che avete filtrato, poi il brodo di pesce.
  • Dopo circa 6-7 minuti versate sulla pasta gli altri ingredienti: le seppie, i gamberi e i carciofi, portando la pasta a cottura ma lasciando che il liquido si asciughi bene. Non preoccupatevi se alla fine la pasta si attaccherà un po’ sul fondo: sarà la parte più buona!
  • Spegnete la fiamma, aggiungete le cozze (sia quelle sgusciate sia quelle che avete tenuto la parte) e il prezzemolo e mescolate bene.
  • Servite caldo. Se lo gradite, potete aggiungere del pepe nero macinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *