Una giornata al Giardini di Hanbury di Ventimiglia

Uno dei dieci giardini più belli d’Italia: se siete in Liguria, non mancate di visitare i Giardini botanici di Hanbury, a Ventimiglia (Imperia). Giardini grandissimi, in cui è possibile passare intere giornate, adagiati in una posizione spettacolare: sul promontorio della Mortola, a poca distanza dal confine francese. Un giardino super-romantico, con vialetti irregolari, pergolati, prati, ma soprattutto con viste mozzafiato sulla costa ligure. Giardino che nasce dal grande amore per il nostro mare di un viaggiatore inglese, sir Thomas Hanbury, che si stabilì qui dopo aver fatto una grande fortuna esportando tè da Shangai.

La vera passione di Thomas Hanbury era la botanica; per questo, dopo aver acquistato il palazzo che apparteneva ai duchi di Orengo, comprò anche i terreni tutto intorno, acquisendo così un parco che degradava fino al mare, e qui iniziò a coltivare specie botaniche provenienti da tutto il mondo.
Alla morte di sir Thomas, il complesso passò al figlio, che ne portò avanti l’opera fino alla Seconda guerra mondiale, quando il sito fu abbandonato. Finalmente, nel 1960, fu acquistato dallo Stato italiano, e oggi è uno dei fiori all’occhiello della Liguria e un luogo magico che regala al visitatore gradi emozioni.

Certo, per gustare appieno al visita bisognerebbe essere appassionati di botanica: il giardino ospita infatti tantissime specie diverse (ne sono state catalogate 5800), molte di origine tropicale e subtropicale. Per apprezzarle vale la pena prenotare una delle visite guidate organizzate nel parco, capaci di affascinare anche i bambini incuriosendoli con le meraviglie delle piante che vi crescono. Sono visite tematiche, che cambiano in base alle stagioni e che offrono spunti sempre diversi e interessanti.

Però, finita la visita, concedetevi il tempo per fare un giro tranquillo del giardino, per godervi gli splendidi scorci di paesaggio, per lasciarvi sorprendere dalle fontane (non perdete la Fontana del drago, adorna di un bronzo giapponese acquistato da Hanbury a Kyoto), per bere qualcosa seduti al chiosco in cui riposare prima di affrontare la risalita e  per ammirare anche la villa, che da sola varrebbe la visita.

 

Informazioni: giardinihanbury.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.