Poesia per i bambini – Il faro

Il mare ha sempre un grande fascino; il faro, poi con la sua lama di luce che taglia l’oscurità  è assolutamente irresistibile. La sua luce, nel buio della notte, parla di presenza umana, di uomini che aiutano altri uomini, è di una guida per le navi e le barche verso un porto sicuro e “amico”…
Ecco dunque una poesia di Ugo Ghiron dedicata proprio a questa luce che conforta e aggiunge mistero.

Gli iscritti riceveranno questa poesia in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata alla prossima newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro delle poesie e delle filastrocche di NoiNonni®.
Se volete riceverla anche voi, iscrivetevi. Basta cliccare su questo link: iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni 

 

Il faro

Sta tutta la notte a spiare
lontano sul mare,
pupilla di fuoco
che fissa nel buio sfavilla.
Si spegne, s’accende,
ancora si spegne,
più viva risplende.
E il mar, che giù
rimormora poco
o ulula fiero,
par dirgli crucciato e severo:
che cerchi, grand’occhio di fuoco?
E il faro sfavilla,
né all’onde risponde.
Ma parla soave
col fido lucente suo raggio
a più d’una nave
lontana, sul mare.

Ugo Ghiron

 

Trovi altre poesie sul mare anche a questi link:
Mare (Giovanni Pascoli)
Il girotondo del mare
Arrivederci, fratello mare!
Al mare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.