Noi Nonni

Indigestione, acetone e intossicazione

bambini e indigestione

© Yuri Arcurs | Dreamstime.com

Il bambino è pallido, un po’ stordito, accusa mal di stomaco e magari vomita e ha un po’ di diarrea? Noi nonne non ci spaventiamo: ci siamo già trovate più volte a fronteggiare un’indigestione, quando i nostri figli erano piccoli. Quindi ci armiamo di pazienza, facciamo sdraiare il piccolo sul letto o sul divano, lo teniamo tranquillo, cerchiamo di fargli bere ogni tanto qualche sorso di acqua a temperatura ambiente, teniamo a portata di mano un catino per evitare disastri nel caso che vomiti e… aspettiamo che passi. [Continua]

La dislessia: come riconoscerla

Bambini che hanno difficoltà di lettura, che confondono le lettere e i numeri. Sono questi i segnali della dislessia, un disturbo che in genere viene diagnosticata con certezza alla fine della seconda classe della scuola primaria, e che colpisce circa il 4% dei bambini. [Continua]

Bambini: quale sport?

Settembre significa ritorno a scuola. Ma significa anche spesso, per genitori, la scelta di un’attività sportiva alla quale indirizzare i bambini. Una scelta importante soprattutto per i “bambini di città”, che hanno sempre meno occasioni di giocare all’aria aperta, di correre per i campi, di arrampicarsi sugli alberi, di scorazzare in bicicletta… e che, anzi, spesso non hanno alcuna “educazione motoria” e passano lunghe ore davanti alla televisione, al computer o ai videogiochi. [Continua]

La merenda dei bambini

La merenda non è solo un pasto importante per i bambini; è anche il grande momento dei nonni! Infatti è proprio questo il pasto che più spesso i bambini consumano da noi, quando siamo noi nonni a “gestire” i nipoti dopo la scuola, in attesa del ritorno dal lavoro de genitori, oppure durante le vacanze scolastiche. [Continua]

L’acetone dei bambini: che cos’è, che cosa fare

Malessere, mal di testa, inappetenza, vomito: ce n’è più che abbastanza per far preoccupare i genitori (i nonni… non ne parliamo neanche!), quando vediamo questi sintomi nel bambino. Spesso però la causa è banale, e si chiama acetone. [Continua]

L’appendicite: niente paura, ma va operata!

L’appendicite è un disturbo piuttosto frequente, soprattutto in giovane età: se è molto rara sotto i 2 anni, colpisce più spesso i ragazzi tra i 10 e i 30 anni, mentre dopo la sua frequenza diminuisce.
Ma che cos’è, e che cosa fare quando si presenta? Ecco alcune informazioni utili per tutti! [Continua]

Carnevale sì, ma… in sicurezza!

Carnevale uguale coriandoli, stelle filanti, maschere, travestimenti… Purtroppo per negli ultimi anni significa anche, per strada, spray colorati e scherzi non proprio simpatici. Ma lo sapete che tutti questi gadget – gli spray, ma anche i coriandoli, le stelle filanti e le maschere -possono nascondere dei pericoli? [Continua]

Viva la piscina, ma… attenti alle micosi!

L’acqua è sempre una grande attrazione, per grandi e bambini. E se magari noi adulti frequentiamo le piscine per necessità (nuoto e acquagym sono tra le attività più consigliate, anche alla nostra età!), i bambini lo fanno per giocare, divertirsi, nuotare, mettersi alla prova, fare sport.
Bellissimo, certo. Però… attenzione! Perché se anche sono controllatissime e rispondono a tutti gli standard igienici, nelle piscine c’è un “pericolo” sempre in agguato: la micosi. [Continua]

Bambini, occhio alla bilancia!

I dati sul sovrappeso e l’obesità infantile in Italia nel rapporto di “Okkio alla salute” presentato al Ministero della Salute.

L’obesità, e in particolare l’obesità infantile, è una delle emergenze del nostro tempo. Un’emergenza sulla quale sono puntati da tempo i riflettori, con campagne di sensibilizzazione che stanno dando dei buoni frutti, [Continua]

Al sole: crema, ombrellone… o entrambi?

È arrivata la stagione del sole, delle vacanze, dell’abbronzatura… ma purtroppo anche delle scottature e degli eritemi! Insomma, dobbiamo rassegnarci: per prendere sole, bisogna proteggersi. Ma come? Basta ripararsi sotto l’ombrellone? Basta spalmarsi di crema solare?
Ebbene, la brutta notizia è che… no, da soli non bastano né l’uno né l’altro, ma dobbiamo usarli entrambi. [Continua]