Libri per bambini: “La mia prima storia dell’arte”

Prendere i bambini per mano e far loro fare un primo, appassionante viaggio nella storia dell’arte. È questa la scommessa di La mia prima storia dell’arte, un bellissimo libro di Béatrice Fontanel per Sonda editore.
Bello prima di tutto nel formato: immaginate un libro “coricato”, con il lato lungo che diventa la base. Una piccola “rivoluzione”, ma che offre la possibilità di “espandere” le pagine, dando molto rilievo alle immagino. E sono le immagini, infatti, a farla da padrona in questo libro: immagini di grande impatto, per una storia dell’arte “vista” piuttosto che “letta”… come deve essere un vero viaggio nell’arte!

Il libro si può leggere in tanti modi. Si può sfogliare, come ho fatto con i miei nipoti, lasciando che sia la curiosità a suggerire loro dove soffermarsi. Si può leggere in modo più sistematico, con i bambini un po’ più grandi, seguendo l’ordine cronologico proposto (e sottolineato della due linee del tempo poste in apertura e in chiusura del libro) e leggendo i testi, chiari ma essenziali, che “glossano” le pagine senza mai dare troppe informazioni (inutili per i bambini), a guidandoli nella visione, sottolineando gli elementi chiave, e anche suggerendo i raccordi tra determinate modalità di rappresentazione e le culture da cui nascono.

Il libro parte proprio dalla preistoria e dai meravigliosi graffiti che ci riportano alle caverne abitate agli albori della civiltà, per giungere alle provocazioni e agli esperimenti dell’arte contemporanea, in un percorso affascinante e ricco di stimoli. Stimoli che sono anche un invito per noi nonni per  soffermarci insieme ai bambini su quei quadri o quei movimenti artistici che ci “parlano”, che ci ricordano qualcosa o che amiamo in particolare, in una lettura che diventa anche scambio tra generazioni e trasmissione di memoria.

 

Béatrice Fontanel, La mia prima storia dell’arte, Sonda editore, 24,90 €

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.