Un tuffo con i pinguini a due passi da Torino

Un bagno con i pinguini sudafricani? No, non dovete fare migliaia di chilometri per provare questa emozione: vi basta andare a Zoom, il primo bioparco immersivo italiano, a pochi passi da Torino. Un parco che non ha reti, gabbie e cancelli, ma vasche d’acqua e barriere naturali e dove gli animali vivono in semilibertà, in ambienti che riproducono il loro habitat naturale.

Nato con l’obiettivo di far conoscere e proteggere gli animali e di far comprendere l’importanza della biodiversità, il bioparco è una straordinaria opportunità per tutti, e soprattutto per i bambini, di scoprire specie insolite o che vivono in ambienti lontani dai nostri e di prendere coscienza dei problemi connessi con la distruzione di habitat naturali, che determinano spesso il pericolo di estinzione per gli animali che vi vivono.

Tanti habitat diversi

Una visita a Zoom equivale a un affascinante viaggio in due continenti: l’Africa e l’Asia. Nei 180.000 metri quadrati del parco infatti sono stati ricreati ambienti naturali diversissimi tra loro, e in cui vivono specie che, in natura, popolano aree geografiche anche molto lontane tra loro.
Così, è possibile viaggiare dall’India, per conoscere la tigre che vive in un misterioso tempio, al deserto del Kalahar, popolato dai simpatici suricati. E lungo il tragitto su può passando per la giungla asiatica, per il Madagascar, con altissimi panda-rosso-bioparco-zoom-torinobaobab e una natura verde e lussureggiante dove vivono i lemuri, o per una fattoria dove vivono gli animali domestici africani, come i dromedari, i buoi dei Watussi o gli asini somali… E si può perfino fare un salto nel Sud-Est Asiatico per conoscere il Panda Rosso, simpaticissimo parente del più noto Panda Gigante, oggi anche lontre-bioparco-zoom-torinolui in via di estinzione. Per non parlare delle lontre di Manakara, che è possibile ammirare nel loro habitat addentrandosi all’interno di un grande albero cavo che, attraverso tre grandi vetrate, permette di vedere sia la vasca dove nuotano, sia gli ambienti in cui si nutrono e si riposano.
Insomma, a ogni pasos una scoperta entusiasmante per i bambini (e non solo per loro!).

Nuotare con pinguini e ippopotami

In queste calde giornate estive, però, le aree più gettonate del bioparco sono le piscine. E sono ben due: Bolder Beach e Malawi Beach. 

Bolder Beach è un paradiso di sabbia bianca e fine, enormi rocce di granito, acqua cristallina, adiacente alla Baia dei Pinguini, dove   vivono e si riproducono i pinguini e separata dalla zona riservata a noi “umani” solo da una vetrata. Basta un tuffo, quindi, per ritrovarsi in pieno sudafrica e provare l’emozione di nuotare a tu per tu con questi  simpatici uccelli acquatici, mentre se nuotiamo sottacqua possiamo ascoltare il canto delle megattere e dei delfini.

A Malawi Beach l’esperienza si ripete, ma questa volta vicino a noi nuota una coppia di ippopotami, Lisa e Ze Maria. Per vederli nuotare e giocare, basta lasciarsi trasportare dalla crrente sotot una grotta. E continuando a seguire le rapide della piscina si arriva alla vasca delle razze. Ed è perfino possibile fare snorkeling per nuotare in mezzo a loro!

Per i più piccini

E anche i più piccoli trovano a Bolder Beach quello che fa per loro: nel grande prato all’inglese che circonda Bolder Beach ci sono infatti giochi e zone attrezzate in cui i bambini possono scatenarsi anche lontano all’acqua.

L’area dei rapaci

E se non ne avete ancora abbastanza, fate un salto a I rapaci di Petra: un anfiteatro dove potrete avere un incontro ravvicinato con barbagianni, gufi, poiane, falchi, aquile e avvoltoi, con la guida di falconieri e ornitologi che spiegano abitudini, comportamenti e tecniche di caccia di ognuno, attraverso dimostrazioni di volo dal vivo.

Informazioni: www.zoomtorino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *