In visita al Museo del calcio di Coverciano

Una visita affascinante per i bambini e per tutti gli appassionati di sport: quella al Museo del calcio di Coverciano, nel Centro Tecnico Federale, la “casa” della Nazionale Italiana di calcio.

Nonni, ora tocca a voi! Certo, siete voi quelli incaricati di accompagnare i nipoti alla scoperta della grande storia del calcio e di raccontare i tanti aneddoti, personali e “storici”, legati alle partite della nostra vita. E per farlo c’è un luogo speciale, che non potete perdere: il Museo del calcio di Coverciano.
Il Museo è quello della Nazionale Italiana e della FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio), quindi ha tutte le carte in regola per essere davvero il museo degli appassionati di calcio e, più in generale, di sport. E infatti visitarlo significa rivivere tutte le emozioni e le vittorie  degli Azzurri nel corso della storia.

La visita

Il percorso di visita si articola su sei sale, e ognuna custodisce autentici tesori che parlano non solo a tutti gli appassionati di questo sport, ma anche a chi magari non è un tifoso irriducibile però ha seguito negli anni, come tutti gli italiani, le glorie della nostra Nazionale.

Tanti cimeli storici

E i tesori in cui ci si imbatte girando per il museo sono davvero tanti. Si parte dal Campionato del Mondo del lontano 1934 (magari troppo lontano perché noi nonni possiamo ricordarlo in prima persona, ma che comunque è entrato nella storia dei nostri Azzurri!) e si arriva fino ai nostri giorni. E ci sono le maglie di Maradona (un mito per i tifosi del Napoli), di Pelé e di Di Stefano; un omaggio alla tragedia di Superga del 1949, il terribile incidente aereo in cui persero la vita tutti i giocatori del Grande Torino e il cui ricordo è ben saldo nel cuore dei tifosi del Toro; ci sono la pipa di Bearzot, il tecnico della Nazionale che la portò al successo nei mondiali di Spagna dell’82, e quella di Pertini, il Presidente della Repubblica che seguì con entusiasmo quel campionato, fino ai cimeli del 2006, quando l’Italia vinse per la quarta volta il titolo mondiale. E oltre…

Un modo per condividere con i bambini passioni e ricordi

Un percorso di visita che sicuramente affascinerà nonni e bambini, e che è anche l’occasione per raccontare ai più piccoli quello che noi abbiamo vissuto, le emozioni e le passioni che hanno accompagnato la nostra vita. E non è questo uno dei nostri compiti e desideri più grandi?

Per i bambini e i ragazzi

Il Museo propone anche percorsi di visita e attività specifiche per bambini e ragazzi, in particolare per le scuole.
Per esempio, c’è la possibilità di giocare ed allenarsi sui campi del Centro Tecnico FIGC di Coverciano, lì dove si allenano gli Azzurri, sotto la guida di tecnici federali. Perché non proporlo alla scuola dei nostri nipoti? Immaginate l’entusiasmo dei bambini!
Ma ci sono anche altri percorsi didattici, più “tranquilli” ma non per questi meno appassionanti. Per esempio, “A tavola con i campioni”, sul cibo e sull’importanza di unire alla pratica sportiva una corretta alimentazione, oppure “Calcio cultura”, sul ruolo dello sport come strumento formativo per la crescita.
Insomma, è possibile scegliere tra diverse proposte, tutte a misura di bambino, in un museo che riserva tante sorprese e che è capace di parlare al cuore di grandi e piccini!

 

Informazioni: Il Museo si trova in Viale Aldo Palazzeschi, 20 – 50135 Firenze
Orari di apertura: Lunedì – Venerdì 9 – 13 / 15 – 19; Sabato 9 – 13; chiuso la domenica
Informazioni e Prenotazioni: Tel. +39 055 600526 – www.museodelcalcio.itinfo@museodelcalcio.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *