Il Museo dei ragazzi in Palazzo Vecchio

Oggi… tutti a Palazzo Vecchio a Firenze! Beh, mi sembra già di vedere le vostre espressioni spaventate. Ma no, non è quello che pensate: non vi stiamo proponendo di trascinarvi bambini sempre più annoiati – e di conseguenza irrequieti – per una serie di sale, per quanto adorne di opere d’arte straordinarie. Il museo di cui vi parliamo è uno spazio fatto proprio per loro, per giocare, divertisti, esplorare, scoprire, e insomma imparare, proprio nei luoghi che sono stati il cuore dell’arte e della cultura fiorentina e faccia a faccia con i suoi protagonisti. È il Museo dei ragazzi in Palazzo Vecchio. Andate a conoscerlo con i nipotini e… vedrete che sorpresa (anche per noi nonni)!

Il museo è stato ricavato in alcuni spazi dei Quartieri monumentali, la sontuosa dimora di Cosimo I de’ Medici, dove sono stati realizzati due piccoli teatri, la Stanza delle Storie di Bia e Garcia per i visitatori più giovani (dai 4 anni di età) e Civiltà del Rinascimento a Firenze per i visitatori più grandi (dagli 8 anni fino a… noi nonni!), oltre a un’ampia sala multimediale, un atelier dedicato alle attività di pittura e uno spazio dedicato ai giochi della prospettiva. Il tutto, per offrire ai bambini attività diverse e coinvolgenti, adatte alla loro età, attraverso laboratori di ogni tipo, sempre divertenti e capaci di stimolare la loro curiosità.

I bambini più piccoli, a partire dai 4 anni, scopriranno episodi e protagonisti della storia del Palazzo Vecchio attraverso storie e favole (La storia del furto nello studiolo di Francesco I, La favola del primo viaggio intorno al mondo, La favola profumata della Natura dipinta, La favola della tartaruga con la vela, Piccole storie di animali… ), potranno giocare al Biribissi, un antico gioco seicentesco sintesi della roulette e della lotteria, che diventa l’occasione per una caccia al tesoro alla ricerca delle immagini della tavole da gioco o potranno scoprire come si viveva a corte nel Cinquecento (Vita di corte).

I più grandicelli, se non vedono l’ora di cimentarsi con colori e pennelli, potranno invece “vestire i panni” di un apprendista a bottega, sperimentando in prima persona l’esecuzione di un piccolo affresco (Dipingere in fresco fra Quattrocento e Cinquecento) oppure imparando fasi e segreti della pittura su tavola (In bottega, la pittura su tavola). Ma potranno anche  visitare Palazzo Vecchio con un maestro d’eccezione quale Giorgio Vasari (Guidati da Giorgio Vasari). O ancora, che ne dite di rivivere i fasti della corte dei Medici attraverso le descrizioni della dama favorita della Duchessa Eleonora di Toledo, la spagnola Isabel de Reinoso (A corte con Donna Isabella), o addirittura di essere ricevuti da Cosimo I dei Medici e dalla sua consorte (Invito alla reggia)?

Niente male, vero? 

E, per i bambini e i ragazzi (ma anche i nonni!) appassionati di storie, intrighi e misteri e che non si accontentano di una “normale” visita a Palazzo Vecchio (da fare assolutamente!), ecco i Percorsi segreti, itinerari guidati che permettono di esplorare luoghi in genere chiusi al pubblico come lo Studiolo di Francesco I de’ Medici, oppure le Visite agli scavi del Teatro romano, che consentono di visitare il sottosuolo del Palazzo per leggere le tracce che vi ha lasciato il passare dei secoli e ricostruire le forme dell’antico teatro romano, che un tempo sorgeva proprio dove ora si erge il Palazzo Vecchio.

Informazioni e prenotazioni  – www.musefirenze.it –
tel 055 2768224 – +39 055 2768558 da lunedì a sabato 9.30-13.00 e 14.00 -17.00, domenica e festivi 9.30-12.30

.

1 commento su “Il Museo dei ragazzi in Palazzo Vecchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *