In gita con i bambini al Parco Faunistico Le Cornelle

tigre-del-bengala-Parco-Faunistico-Le-CornelleLe cornelle sono, nel dialetto locale, i sassi del fiume Brembo levigati dalla corrente. Ed è proprio da loro che prende il nome il Parco Faunistico Le Cornelle, che si estende su un’area di 126 000 metri quadrati a Valbrembo, sulla sponda orientale del fiume, in provincia di Bergamo.
Una grandissima aera verde a disposizione degli animali e di chi vuole conoscerli, un parco nato dall’idea e dalla passione di Angelo Ferruccio Benedetti, che lo creò insieme alla moglie Luigina nel 1981.

Niente gabbie!

Il Parco è ben più di un “semplice” giardino zoologico. È nato infatti con l’idea che fosse necessario sensibilizzare l’uomo e fargli capire quanto sia importante un corretto rapporto con la natura e con gli animali. Quindi niente gabbie, ma solo recinzioni semplici e staccionate basse che permettono ai visitatori di avvicinarsi il più possibile agli spazi degli animali, che sono sempre ampi e con una vegetazione rigogliosa: insomma, in più vicino possibile alla libertà.

A tu per tu con gli animali

Da quel lontano 1981, il parco ne ha fatta di strada, tanto che la sua fama ormai ha superato i confini della regione. Per esempio, ha aderito a progetti internazionali di conservazione delle specie animali in fase d’estinzione, come la Testuggine delle Seychelles (la cosiddetta “tartaruga gigante”), la Tigre bianca del Bengala, il Leopardo delle Nevi, la Gru della Manciuria, l’Ara Giacinto o i Leoni Bianchi. E oggi è possibile vedere proprio nel parco alcuni esemplari di queste specie, ormai rarissime in natura.

Foca-parco-faunistico-le-cornelleMa non solo i soli! Sono circa 120 le specie di animali – tra mammiferi, volatili e rettili – ospitati nel Parco, ed è questo a farne un’esperienza avvincente per i bambini. Che potranno emozionarsi davanti alla giraffa, rimanere incantanti per i colori dei fenicotteri o dei pappagalli, intenerirsi davanti al cucciolo di ippopotamo, sorridere alle evoluzioni dei lemuri…

Il percorso di visita

Nel Parco si entra solo a piedi e seguendo un itinerario ideale si può vivere un’esperienza emozionante, incontrando animali che arrivano da ogni parte del mondo. Per i più piccoli, è possibile prendere un trenino, ma il nostro consiglio è quello di prevedere di trascorrere la giornata al parco e girarlo a piedi.

Diverse aree

Il parco è suddiviso in diverse aree dove, come dicevamo, gli animali vivono in semilibertà. Vicino all’ingresso ci solo le aree dei volatili (ara, rapaci, fenicotteri…) mentre addentrandosi tra i viali si trovano quelle destinate agli altri animali. Tra le più spettacolari, l’Isola Aldabra, un’area di 1000 metri quadrati dove è stata ricostruita un’isola tropicale (è qui che vivono le Testuggini delle Seychelles, insieme a molte altre specie di quest’habitat), l’Oasi dei Ghepardi, dove questi spettacolari felini solo liberi di correre in libertà, e la Selva tropicale, con tanti specchi d’acqua e una folta vegetazione dove vivono tante specie di animali che è possibile vedere facilmente percorrendo la passerella che la attraversa.
Da non perdere anche la Savana, un’area tematica ampia ben 10000 metri quadrati con dei terrapieni dai quali è possibile ammirare, in tutta scurezza e senza interferire con la loro vita, zebre, rinoceronti, antilopi e gru coronate.

Le visite guidate

E se avete voglia di una visita davvero speciale, potete scegliere una visita guidata condotta da un’équipe di naturalisti, come “Animalandia”, che permette ai bambini di incontrare animali visti solo sui libri o in televisione.
Altri pacchetti di visita invece sono pensati in particolare per le scuole, e comprendono anche attività di laboratorio.

Per un po’ di relax

All’interno del parco, poi, non mancano le aree dove ci si può fermare  per riposare o per uno spuntino. Ci sono infatti un ristorante, un self-service, una pizzeria e cinque bar dislocati in punti diversi. E per noi nonni (se siamo in un gruppo di 20-25 persone) c’è anche un’interessante offerta: un pacchetto che comprende l’ingresso al parco, il pranzo al ristorante, il giro sul trenino e una colazione (o merenda), per 24 euro a persona.

 

Informazioni: www.lecornelle.it

Ecco alcune immagini del parco, e la sua mappa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.