Alla scoperta delle marionette a Palermo, in un museo pieno di magia

museo-marionette-fortunato-pasqualino-palermoC’è un posto, a Palermo, che merita sicuramente una visita; un posto che riempie di meraviglia noi adulti, ma che piace moltissimo anche ai bambini. È il Museo internazionale delle marionette, ospitato all’intero dell’Hôtel de France, un edificio ottocentesco di grande interesse architettonico e storico, nel centro antico della città.
Un museo affascinante, che fu fondato nel 1975 da Fortunato Pasqualino, intellettuale e appassionato della storia e delle tradizioni siciliane, e che si è sviluppato intorno al primo nucleo formato dalla sua collezione.
Oggi raccoglie circa 3500 marionette, provenienti da tutto il mondo. Ci sono i pupi siciliani, certo, nelle diverse versioni (catanesi e palermitani); ma poi, ci sono quelli napoletani, e le marionette provenienti da diversi Paesi, europei e dell’Estremo Oriente, come la Francia, la Spagna, la Thailandia, la Birmania, il Vietnam e tanti altri. E c’è perfino una sala dedicata al teatro delle ombre cinese.

Palermo_Museo_MarionetteÈ un’emozione girare tra le sale, ammirando le diverse caratteristiche delle marionette e le varie tecniche con cui vengono mosse; affascinante anche ripercorrere la storia antichissima di questa forma di teatro, che accompagna da sempre le vicende delle civiltà umane.
Ma a conquistare i bambini saranno gli spettacoli teatrali, naturalmente con le marionette, in programma al Museo quasi a ciclo continuo: un modo per accostarsi “dal vivo” a quest’arte, con spettacoli che fanno rivivere la magia di un tempo.

E poi ogni anno, a novembre, il Museo internazionale delle marionette organizza il Festival di Morgana, un importante appuntamento con le differenti pratiche del teatro di figura internazionale. Un festival in cui si potrà assistere a spettacoli provenienti da America, Russia, Francia, Italia e Spagna, in una sorta di viaggio nel mondo che si potrà compiere seduti.

Informazioni: www.museomarionettepalermo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *