Lo spezzatino con le prugne e il vino rosso

Un piatto decisamente importante, dal sapore pieno e decisamente invernale, la cui preparazione richiede un po’ di tempo e di attenzione, ma… ne vale la pena!
Infatti la cottura di questo piatto è lenta, a fuoco molto dolce, e se avete una pentola di coccio, di quelle delle nostre nonne, è ancora meglio!
Fondamentale la scelta della carne, un taglio di vitello morbido, non troppo magro ma neanche grasso; e poi, naturalmente le prugne, che sono quelle secche, denocciolate.
Potete servire questo patto accompagnato con un buon purè di patate, una polenta o anche, se lo preferite (e rompendo un po’ con la tradizione), con del riso basmati bollito.

 

Gli iscritti riceveranno questa ricetta in formato PDF allegata alla prossima newsletter di noinnonni.it. Potranno così scaricarla, stamparla e unirla alle altre, a formare il libro delle ricette di NoiNonni®.
Se vuoi riceverla anche tu, iscriviti alla newsletter. Basta cliccare su questo link: iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni

 

Ingredienti

  • 800 g di spezzatino di vitello tagliato in pezzetti tutti più o meno delle stesse dimensioni
  • 1 cipolla dorata
  • 1 carota
  • Circa 20 prugne secche denocciolate
  • 750 dl  di vino rosso
  • Farina
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe
  • Un rametto di rosmarino

 

Come si fa

  • In una casseruola (o in una terrina di coccio) mettete 5 cucchiai di olio extravergine di oliva e fatevi appassire a fiamma dolce la carota e la cipolla tritati finemente.
  • Nel frattempo, infarinate i pezzetti di spezzatino. Quindi versateli nella casseruola e girateli in modo da farli rosolare bene da tutti i lati.
  • Ora alzate la fiamma e versate un bicchiere di vino rosso, facendolo sfumare.
  • Quando il vino è evaporato, abbassatela fiamma, aggiungete il rosmarino, salate e pepate.
  • Quindi versate il resto del vino rosso fino a coprire tutto lo spezzatino. Fate prendere il bollore, poi abbassate la fiamma e coprite.
  • Lasciate cuocere tre quarti d’ora girando di tanto in tanto, poi versate le prugne e continuate la cottura aggiungendo se necessario un mezzo bicchiere d’acqua. Ci vorranno ancora almeno altri tre quarti d’ora, ma forse anche qualcosa in più.
  • Il piatto è pronto quando il sughetto si sarà addensato e la carne sarà tenera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *