Il polpo alla Luciana

Ecco un piatto tipico della gastronomia partenopea. Anche il nome rievoca Napoli: viene infatti dai pescatori del borgo Santa Lucia, i “creatori” di questa saporita preparazione. Una preparazione non molto elaborata, come lo sono sempre le ricette migliori, ma che richiede un po’ di tempo. Però ne vale la pena: il sapore pieno e stuzzicante del polpo alla Luciana è impagabile!
Quella che vi proponiamo è una ricetta “in due tempi”, che prevede una prima mezza cottura dei polpi e poi l’aggiunta della salsa di pomodoro. È possibile anche mettere gli ingredienti tutti insieme, ma procedendo come vi consigliamo i polpi restano più compatti.

Gli iscritti hanno ricevuto questa ricetta in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata a una newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro di ricette di NoiNonni®.
Per ricevere la newsletter, iscriviti cliccando su questo link: www.noinonni.it/iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni
Se vuoi ricevere anche tu questa ricetta in formato PDF, scrivici a info.noinonni@gmail.com: te la invieremo!

Trovi un’altra ricetta a base di polipo anche a questo link:
L’insalata di polpo

Ingredienti

  • 1 kg di polpi. Potete acquistare i polpi veraci (quelli i cui tentacoli presentano due file di ventose), come prevede la ricetta originale, ma anche dei moscardini (più piccoli e con una sola fila di tentacoli).
  • 10 pomodori maturi di tipo San Marzano
  • Olio
  • Olive
  • Capperi sotto sale
  • Pepe
  • Peperoncino
  • Aglio
  • Sale

Come si fa

  • Pulite bene i polpi, sciacquandoli più volte sotto l’acqua corrente e tirando i tentacoli per eliminare l’eventuale parte limacciosa.
  • Fatto questo, mettete a scolare i polpi in uno scolapasta.
  • Quando sono ben scolati, metteteli in una pentola piuttosto larga, sistemandoli a testa in giù e, se sono più di uno, senza sovrapporli. Aggiungete un filo d’olio, uno spicchio d’aglio a pezzetti, un pizzico di sale, uno di pepe e, se vi piace, un pezzetto di peperoncino.
  • Coprire la pentola con un coperchio che la chiuda bene e mettetela sul fuoco, a fiamma molto dolce, lasciando cuocere per una mezzoretta, finché i polpi non hanno perso la loro acqua.
  • Nel frattempo preparate la salsa. Tuffate una decina di pomodori maturi tipo San Marzano in una pentolina con dell’acqua in ebollizione. Scolateli dopo un paio di minuti, pelateli e fateli a pezzetti.
  • In una pentola rosolate uno spicchio d’aglio in un po’ d’olio e poi aggiungete i pomodori a pezzetti (se volete, potete anche usare quelli in barattolo, anche se il sapore del pomodoro fresco è impagabile).
  • Aggiustate di sale e lasciate cuocere per una decina di minuti.
  • Versate ora due mestoli abbondanti di questo sugo sui polpi. Aggiungete anche una dozzina di olive (sia nere, sia verdi) a pezzi e una ventina di capperi sotto sale sciacquati e tritati.
  • Chiudete di nuovo la pentola con il suo coperchio e lasciate cuocere ancora per 15/20 minuti, finché i polpi non saranno diventati teneri (il tempo di cottura dipende dalle loro dimensioni).

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *