Lo strudel di mele

lo-strudel-di-mele-Liliya-Kandrashevich-DreamstimeLa ricetta del dolce-simbolo dell’Alto Adige: lo strudel di mele. Un dolce notissimo e ormai diffuso in tantissime varianti. Tutte hanno il comune il morbido ripieno a base di mele, uvetta, pinoli cannella.
Anche se per noi è un dolce che parla del nord, le sue origini sono molto più a sud, in Turchia: pare che si tratta di una “interpretazione” della baklava, un tipico dolce turco, che dal Paese di origine giunse in Ungheria e di qui, quando l’Alto Adige era parte dell’impero austro-ungarico, in questa regione.
Ci sono diverse ricette di strudel, che differiscono anche per la pasta dell’involucro esterno. Se volete semplificare il procedimento, potete farlo con della semplice pasta sfoglia (anche quella che si trova in commercio già fatta), ma noi preferiamo una ricetta più vicina all’originale, anche se leggermente laboriosa. Eccola.

Gli iscritti hanno ricevuto questa ricetta in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata a una newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro di ricette di NoiNonni®.
Per ricevere la newsletter, iscriviti cliccando questo link:  iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni
Se vuoi ricevere anche tu questa ricetta in formato PDF, scrivici a [email protected]: te la invieremo!

Ingredienti

Per la pasta

  • 125 g di farina tipo 00
  • 1 uovo grande
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale
  • Acqua quanto basta

Per il ripieno

  • 750 g di mele del tipo Golden
  • 25 g di pinoli
  • La scorza grattugiata di un limone non trattato
  • 80 g di zucchero
  • 50 g di uvetta
  • 2 cucchiai di rum
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere
  • 70 g di pangrattato
  • 80 g di burro

Per guarnire

  • Zucchero a velo

Come si fa

Cominciate dalla pasta

  • Sul piano di lavoro mettete la farina, il pizzico di sale, l’uovo e due o tre di cucchiai di acqua. Cominciate a impastare con le dita e continuate finché non avrete ottenuto una pasta liscia, morbida ma consistente (se è necessario, aggiungete ancora una cucchiaiata di acqua: dipende dalla qualità della farina).
  • Ungete con un cucchiaio di olio una ciotola e metteteci l’impasto. Coprite con della pellicola da cucina e lasciate riposare al fresco.

Per il ripieno

  • Mettete l’uvetta a bagno nel rum.
  • In una padella antiaderente mettete la metà del burro e fatelo sciogliere sul fuoco. Quando è sciolto, versate il pangrattato e fatelo tostare mescolando con un cucchiaio di legno. Quindi spegnete la fiamma.
  • Sbucciate le mele, togliete il torsolo e tagliatele in fettine sottili, mettendole via via in una ciotola.
  • Aggiungete lo zucchero, la scorza grattugiata del limone, l’uvetta (scolata dal rum) e la cannella.

Come comporre e cuocere lo strudel

  • Fate fondere il resto del burro.
  • Mettete un foglio di carta da forno sul piano di lavoro. Quindi prendete la pasta e stendetela con il mattarello in modo da creare un rettangolo.
  • Spennellatela con il burro fuso, quindi versate il pangrattato tostato e distribuitelo bene sulla superficie della pasta con un cucchiaio.
  • Versate il composto di mele.
  • A questo punto l’operazione più delicata: arrotolate la pasta, chiudendo bene i bordi, ma evitando di romperla. Con le dita premete sulle aperture in modo da sigillarle bene.
  • Spennellate il resto del burro sullo strudel, quindi trasferitelo su una teglia (con la carta da forno su cui avete lavorato, altrimenti rischia di rompersi).
  • Infornate in forno già caldo a 200° per circa 40 minuti.

Per guarnirlo, alla fine cospargetelo di zucchero a velo.

 

Trovi altre ricette con le mele anche a questi link:
La torta di mele
I fagottini di mela in pasta sfoglia
Le frittelle di mele
La ciambella di mele
La marmellata di mele
La torta di mele soffice

 

3 commenti su “Lo strudel di mele

    1. Grazie mille a te e bentrovata, Adriana!
      Sai che hai il nome di una delle mie zie più care?
      Torna a trovarci!
      Annalisa Pomilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *