Noi Nonni

Il corvo e la volpe (favola di Esopo)

Una fiaba classica di Esopo da leggere ai bambini, con una morale valida per tutti: la vanità manda in rovina (anche gli uomini)!

Era una bella mattina di primavera. Il bosco era verde, gli uccellini cantavano, tutti erano felici. Tutti, tranne la volpe, che si aggirava stanca e affamata, in cerca di un po’ di cibo.

Camminava su un sentiero, quando a un tratto scorse, appollaiato sul ramo di un albero, il corvo, che teneva stretto nel becco un bel pezzo di formaggio rubato nella vicina fattoria.
Che acquolina in bocca, povera volpe affamata! Ma come fare per impadronirsene? Non poteva certo arrampicarsi sull’albero, e il ramo era troppo in alto per riuscire a raggiungerlo con un salto.

Decise allora di usare la sua proverbiale astuzia. Perciò si rivolse al corvo con la sua voce più suadente:
– Buongiorno, compare corvo!
– Buongiorno, comare volpe! – le rispose il corvo, colpito dalla sua gentilezza. – Come mai siete da queste parti?
– Stavo facendo due passi dopo il mio pranzo, che oggi è stato davvero ottimo! Una passeggiata rilassante, nel verde di questo bosco; e ora che ho incontrato voi, un uccello così bello, ancora più bella!

Il corvo era molto vanitoso, quindi non restò insensibile ai complimenti della volpe, che continuò:
– Siete davvero un animale bellissimo, con quelle penne nere come la notte! Se solo aveste una voce pari alla vostra bellezza, potreste essere il re degli uccelli!
Il corvo, felice del complimento, non vedeva l’ora di esibire anche le doti del suo canto. Perciò, per lanciare un bell’acuto, spalancò il becco e… mentre il formaggio cadeva a terra, emise il suo orribile gracidio!

La volpe si precipitò sul formaggio e lo divorò in men che non si dica. Poi si rivolse al corvo e gli disse, beffarda:
– Grazie infinite per il formaggio e per il bel concerto!
Così il corvo vanitoso rimase a bocca asciutta!

Esopo

 

Gli iscritti hanno ricevuto questa fiaba in formato PDF, da scaricare e stampare, allegata a una newsletter di noinonni.it. Unendola alle altre, possono così formare il libro delle fiabe e delle storie di NoiNonni®.
Per ricevere la newsletter, iscriviti cliccando su questo link: iscriviti-alla-newsletter-di-noinonni/
.
Se vuoi ricevere anche tu questa fiaba in formato PDF, scrivici a 
info.noinonni@gmail.com: te la invieremo!

 

Trovi altre favole di Esopo anche a questi link:
Il leone e il topo riconoscente
Il topo di campagna e il topo di città
Pierino e il lupo

 

 

 

 

Contenuti suggeriti per te

Lascia un commento

*