Gli aminoacidi: conoscerli per una dieta corretta

Sono otto, e hanno nomi strani e poco noti: fenilalanina, treonina, triptofano, metionina, lisina, leucina, isoleucina e valina. Li conoscevate? Sono gli otto aminoacidi essenziali, quelli che formano le proteine.  Le proteine infatti sono formate da più aminoacidi, uniti tra loro da un legame chimico, detto peptidico. Una volta ingerite, quando raggiungono il nostro apparato digerente, questo legame viene spezzato e le proteine si scindono negli aminoacidi che le compongono, e che vengono assorbiti dal nostro organismo nell’intestino tenue.

Questa la teoria medica, molto semplificata. Quello che ci interessa di più, però, è il fatto che noi dobbiamo necessariamente assumere le proteine attraverso l’alimentazione, perché non le produciamo. E, come sappiamo, sono contenute soprattutto da carne, pesce, uova, latticini.
Anche cereali e legumi contengono aminoacidi, ma con un’importante differenza: in questi due alimenti c’è una quantità troppo limitata di due aminoacidi essenziali (la lisina nei cereali e la metionina nei legumi) e questo impedisce al nostro organismo di sintetizzare correttamente le proteine da questi due alimenti. Un modo per aggirare il problema però c’è: abbinare cereali e legumi (la famosa pasta e fagioli, tanto consigliata), in modo da ottenere un apporto corretto di questo elementi. Un accorgimento fondamentale per chi segue una dieta vegetariana, che quasi certamente avrà anche bisogno di integrare la vitamina B12 e la vitamina D. Anzi, in alcuni casi legati a particolari patologie, i vegetariani devono usare integratori proteici per garantire al proprio organismo un corretto apporto di questi elementi.

Non solo aminoacidi essenziali…

Oltre agli aminoacidi essenziali, però, ne esistono anche altri: in tutto, oggi conosciamo 20 aminoacidi proteogenici (cioè, in grado di produrre proteine), distinti in essenziali, condizionatamente essenziali, semi-essenziali e non essenziali.

Gli aminoacidi condizionatamente essenziali sono quelli che in genere il nostro organismo riesce a sintetizzare, ma che in alcune condizioni particolari (un’infezione, o determinate malattie) vanno integrati con la dieta.
I loro nomi sono arginina (essenziale per i bambini e presente nella nostra massa muscolare), glicina (costituisce il collagene, presente nella pelle e nei tessuti connettivi), glutamina (che ha diverse funzioni, tra cui quella di stimolare la formazione di proteine), prolina (importante per riparare i tessuti) e taurina (si trova solo nella carne e stimola la crescita di muscoli, sistema nervoso e sistema cardiovascolare).

Gli aminoacidi semi-essenziali sono sintetizzati dal nostro organismo a partire da altri aminoacidi. Sono due: la tirosina, che viene dalla fenilalanina e ha una funzione fondamentale per la produzione di alcuni neurotrasmettitori, e la cisteina, che favorisce l’assorbimento delle proteine e deriva dalla metionina.

Gli aminoacidi non essenziali sono sintetizzati dalle nostre cellule. Benché vengano chiamati “non essenziali”, dobbiamo tener presente che anche loro sono necessari per l’organismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *