Noi Nonni

Crampi notturni: che fare?

Vi è mai capitato di svegliarvi nel cuore della notte con una fastidiosa contrazione di un muscolo, spesso quello del polpaccio? Si tratta di un crampo, che può essere anche molto doloroso; un fastidio piuttosto comune, e che colpisce più spesso le donne e le persone di “una certa età”, come noi.

In genere i crampi colpiscono i muscoli del polpaccio, ma possono interessare anche i piedi e le cosce. Durano per lo più pochi minuti e, anche se non sono pericolosi, sono un bel fastidio!

Le cause

Ma a che cosa sono dovuti? Le cause possono essere diverse; uno sforzo eccessivo, ma anche la disidratazione, la carenza di sali minerali o un problema di circolazione che fa sì che giunga poco sangue ai muscoli.
Il rischio aumenta se beviamo troppi caffè o troppi alcolici, se sudiamo molto e non beviamo abbastanza, ma anche se assumiamo dei farmaci diuretici, che tolgono acqua all’organismo.

I rimedi

I rimedi ci sono, e vanno dai massaggi ai bagni caldi; aiutano un’attività fisica non eccessiva, ma tale da garantire un buon funzionamento dei muscoli, e fare esercizi di stretching prima e dopo lo sport.
Importante però è la dieta. I crampi infatti sono spesso associati alla mancanza di alcuni elementi, in particolare il potassio e il magnesio.
Tra le cause più comuni c’è proprio la carenza di potassio, che si può combattere con una dieta adeguata: il potassio infatti è contenuto nelle banane, ma anche nelle patata, nei pomodori, nei kiwi, nelle albicocche e nel pesce come il salmone.
Bisogna perciò curare l’alimentazione; ma se i campi continuano, sarà bene ricorrere a degli integratori, naturalmente però consultando il medico prima di lanciarsi in un “fai da te” sempre sconsigliabile.

E quando arriva il crampo? La cosa migliore è cercare di allungare delicatamente il muscolo con esercizi di stretching adeguati, da fare con molta gradualità e lentamente. Per sapere quali sono i più adatti, però, fatevi consigliare da un esperto!

 

loading...

Lascia un commento

*