Noi Nonni

Commenti

  1. NONNA ATTA ha detto:

    Sono in pieno accordo con la psicologa…. io faccio sempre questo semplice esempio ai bambini ma molto più spesso ai grandi:” Le nostre mani sono uno strumento ….le possiamo usare per fare carezze o dare pugni…..costruire o distruggere….ma loro non agiscono autonomamente come la nostra lingua che può ferire più di una spada….” è l’ntenzione che può essere ludica, positiva o negativa anche perchè tutti i giorni nella nostra vita quotidiana veniamo a contatto con oggetti che si possono trasformare in armi come ad es un banale coltello. Complimenti e grazie per i vostri consigli da chiunque provengano.

    • marta ha detto:

      Grazie per i complimenti, nonna Atta. Anche a noi la nostra consulente, Manuela Arenella, piace molto e ci troviamo sempre in sintonia con lei.
      Continua a seguirci: troverai tanti altri contenuti interessanti.
      Buon pomeriggio
      La redazione di Noinonni.it

    • Carlo ha detto:

      Sono in pieno disaccordo con la psicologa !!
      Certo e allora lasciamo che portino a scuola bombe a mano giocattolo, mitra, bazooka e chi più armi ha più ne metta. Se giocando si impara cosa stanno imparando questi bambini ? ad esprimere la loro aggressività ?? e questo sarebbe il miglior modo di farli sfogare ? farli giocare al “terrorista” di turno ???
      Le armi giocattolo per come la vedo io hanno ben poco a che fare con l’esigenza di sfogare aggressività quanto piuttosto stimolano il desiderio primordiale di violenza.
      E poi ci lamentiamo del bullismo nelle scuole… se cominciamo così già alle materne siamo a posto.

Lascia un commento

*